Fax Now: (925) 132-4545

Il think tank per l’eccellenza delle utility italiane

 

LE 100 MAGGIORI UTILITY DISEGNANO L’ITALIA DEL FUTURO:
PIU’ INNOVATIVA E GREEN

A Milano il 22 febbraio la Top Utility Analysis 2018.

La convergenza tra performance, sostenibilità e innovazione guida i cambiamenti dei servizi di pubblica utilità ai cittadini. Sei le aziende premiate in questa edizione.

Milano, 15 febbraio 2018 – Miglioramento continuo, innovazione e clienti sono gli elementi al centro delle strategie delle maggiori utility italiane. Nelle grandi città, dove risiede oltre il 33% della popolazione, ma anche diffuso sui territori, sta crescendo il cambiamento in senso “smart” dei servizi ai cittadini. In questo processo le aziende di servizi pubblici si presentano come gli alleati più naturali per l’innovazione e le infrastrutture tecnologiche. Le prime 100 utility hanno registrato in Italia nel 2016 un valore della produzione aggregato di oltre 115 miliardi di euro – che vale quasi il 7% del PIL italiano – con un aumento dell’1,2% rispetto all’anno precedente.

 

Sono alcuni dei dati salienti dello studio “Le performance delle utility italiane. Analisi delle 100 maggiori aziende dell’energia, dell’acqua, del gas e dei rifiuti” curato da Alessandro Marangoni, ceo di Althesys. 

Il report sarà presentato alla sesta edizione del Top Utility che si terrà a Milano il 22 febbraio dalle 9,30 presso la Camera di Commercio, a Palazzo Turati in via Meravigli 9/b.

 

Il rapporto sarà focalizzato sul tema: Ambiente, business, community e innovazione nei servizi pubblici locali”. E’ infatti la ricerca di un equilibrio tra questi molteplici elementi che costituirà la sfida per il futuro delle public utility.

 

Le 100 Top Utility segnano risultati che superano la media nazionale: il tasso di perdita delle reti idriche risulta nettamente migliore (32% contro il 38,3% medio); nella depurazione aumenta il rendimento degli impianti, che guadagna 13 punti percentuali sul 2015, raggiungendo il 91%; anche nei servizi ambientali le performance sono in sensibile miglioramento nell’ultimo anno, con la raccolta differenziata che cresce in media di cinque punti percentuali sul 2015, grazie anche all’adozione di sistemi porta a porta

 

Nel corso del convegno che accompagnerà la presentazione dello studio interverranno, tra gli altri, Guido Bortoni, Presidente di ARERA, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente; Stefano Besseghini, Presidente di RSE; Giordano Colarullo, Direttore di Utilitalia; Raffaele Tiscar, capo di gabinetto del ministero dell’Ambiente; Carlo Montella, Orrick.

 

A conclusione dell’evento verranno premiate le Utilities che hanno avuto le migliori performance tra le 100 aziende valutate dallo studio.

 

Sei i premi: oltre alla vincitrice del Top Utility Assoluto, le aziende vengono individuate per ciascuno dei parametri presi in considerazione, quindi Top Utility Sostenibilità, Top Utility Comunicazione, Top Utility RSE Ricerca e Innovazione, Top Utility Performance Operative e Top Utility Consumatori e Territorio.

 

A questo indirizzo http://www.toputility.it/il-premio/la-vI-edizione/ è possibile consultare il programma e accreditarsi.

Comments are closed.