Fax Now: (925) 132-4545

Il think tank per l’eccellenza delle utility italiane

 

Cambia il clima: dimezzate le riserve dei laghi in Lombardia

I Giorni della Merla, gli ultimi tre del mese di gennaio, tradizionalmente i più freddi dell’anno, quest’anno hanno avuto un sapore primaverile: le temperature si sono mantenute più alte della media a causa di un anticiclone ‘europeo’ che ha fatto rientrare l’inverno ‘ai box di partenza’. Nuova conferma del fatto che  l’inverno 2015-16 sarà probabilmente ricordato come “l’inverno della siccità”. Il 2016 è infatti iniziato con due terzi di precipitazioni in meno al Nordovest. Della situazione risentono in misura marcata anche le riserve idriche lombarde. In particolare, le  riserve idriche nei Laghi di Como, Idro, Iseo e Garda sono inferiori del 43,7 per cento rispetto al 2007, già considerato come il più critico del decennio e del 59,7 per cento rispetto alla media 2006-2014.
“A un terzo della stagione invernale – dice Viviana Beccalossi, l’assessore regionale al Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo – la scarsità di piogge e soprattutto la mancanza di nevicate in montagna sta impedendo l’accumulo di acqua nei bacini naturali e artificiali. Le altezze di tutti i grandi laghi regolati sono inferiori alla media storica, con situazione molto critica per i Laghi Maggiore e di Como e solo leggermente migliore altrove. Questa situazione, che può migliorare solo con l’inizio delle precipitazioni, ci impone un monitoraggio continuo e, soprattutto, un coordinamento molto stretto”. “La deroga al Deflusso minimo vitale (Dmv) è già prevista nel piano di Tutela e uso delle acque della Lombardia ed è una deroga che può essere richiesta solo a condizione che ci sia la dichiarazione di uno stato di emergenza – ha detto l’assessore Claudia Maria Terzi -. La deroga può essere utilizzata per un massimo di 60 giorni e non azzera il Dmv ma, al massimo, può dimezzarlo. Queste sono le condizioni per cui si può applicare; quindi anche il Piemonte, se avrà una sua normativa, non sarà certo quella di azzerare il Dmv, perché è contrario alle normative comunitarie”.

Comments are closed.